CLAUDIO ROTTA LORIA

Nasce a Torino nel 1949. Dopo la formazione artistica (liceo, accademia, scuola di design), Claudio Rotta Loria si laurea in filosofia. Dal 1969 al 1976 fa parte dell’ “Operativo Ti.zero” di Torino, ed è cofondatore dell’omonimo Centro Sperimentale di Ricerca Estetica. Il suo lavoro artistico di quel decennio lo colloca tra i maestri dell’Arte programmata e del Cinetismo storico. Dal 1968, dopo l’incontro con Bruno Munari e i linguaggi delle avanguardie storiche, orienta il suo registro espressivo verso la riduzione della pittura ai suoi dati primari, elementari e concreti e, successivamente, alla fine degli anni Settanta, verso una sua integrazione con gli aspetti sensibili, simbolici ed emozionali, quali l’utilizzo di mandala e della scrittura/pittura del mantra nella costruzione dei lavori tridimensionali. Dalla seconda metà degli anni ’80, realizza numerose installazioni caratterizzate da un rapporto biunivoco tra lo spazio-ambiente e gli elementi dell’opera, nel tempo arricchite dall’impiego della luce (neon, fibre ottiche, luci di Wood) e della fotografia aerea. Ha al suo attivo centinaia di mostre personali e collettive in Italia e all’estero. I suoi lavori si trovano nelle collezioni di musei italiani e stranieri.