Claudio Rotta Loria: Metageografie

La mostra Metageografie si terrà a Nizza, Francia, presso la Galerie Depardieu in 6, rue du docteur Jacques Guidoni (ex passage Gioffredo). Con vernissage il 23 ottobre 2014 dalle 16 alle 21, la mostra rimarrà aperta al pubblico con entrata libera fino al 22 novembre 2014.

Le geografie come metalinguaggi. L’astrazione dei luoghi e il disegno delle forze che li attraversano come possibile chiave di lettura di nuove mappe dei rapporti umani. Il differenziarsi dei punti di vista come matrice di nuove vision creative.

Per questa mostra alla galleria Depardieu, Claudio Rotta Loria presenta al pubblico francese – incontrato fin dai primi anni Settanta in numerose occasioni espositive – opere che sintetizzano tre importanti cicli della sua ricerca visiva: gli Spazi di trame e di tensioni (anni Ottanta eNovanta), le Geo-grafie e gli Equatori (dagli inizi del nuovo Millennio ai giorni nostri). E’ un equatore la “Farandole à l’italiènne”, immagine simbolo del Piemonte al Festival di Avignone del 2009, 2010, 2011, la grande installazione di 9 metri di diametro che, intorno all’asse terrestre, connette tra loro cromaticamente spazi di gravità e di tensione; evoca l’Equatore la circonferenza che rotea lentamente nell’opera About Balla (maquette di una grande installazione permanente di arte pubblica collocata nell’Università di Torino all’interno del CLE – Campus Luigi Einaudi realizzato da Norman Foster); si intitola Segnoequatore l’opera – a suo tempo esposta alla Biennale di Venezia – che, con un movimento circolare, traccia una sorta di abbraccio universale con la forza di un gesto fondatore.
Espressione simbolica che trascende il suo significato convenzionale, in queste opere l’Equatore diventa forma declinata nel linguaggio dell’arte, un linguaggio che attraversa spazi molteplici, che stabilisce relazioni cosmopolite e nuove appartenenze, che disegna piani virtuali e concretissime migrazioni, cartografie di lacrime e speranze, passaggi, approdi, rifiuti e accoglienze. Un’arte che interpreta le metageografie di nuovi modelli di convivenze umane.
Opere, quelle di Claudio Rotta Loria, dai numerosi livelli di lettura: estetico, formale, costruttivo, simbolico e relazionale. Lavori che, dall’azzeramento della pittura scelto da questo artista nei primi anni Settanta, ricostruiscono per tappe e salti simbolici e iconografici, il valore dell’arte in tesa come anima della cultura e il suo ruolo contemporaneo di ponte e dialogo tra le culture.

Mostra organizzata dalla Galerie Depardieu di Nizza in collaborazione con l’Associazione Artepertutti

Scarica l’invito in PDF

Galerie Depardieu
6, rue du docteur Jacques Guidoni
(ex passage Gioffredo)
06000 Nice
tél 09 66 89 02 74
[email protected]
www.galerie-depardieu.com